Libera Alessandria Rotating Header Image

21 marzo 2021 a Novi Ligure, Ovada e Casale Monferrato

#liberapiemonte  #21marzo2021

A NOVI LIGURE

La lettura dei nomi delle vittime innocenti (a cura dell’ITIS Ciampini-Boccardo) su youtube

A OVADA

Articolo su Ovada Online

A CASALE MONFERRATO

Articolo su Casale Notizie

Il cortometraggio della compagnia “Viva Voce” a Cascina Saetta

Da “Il Piccolo”. 5 marzo 2021

Anche Cascina Saetta “restituita a tuttə!”. Il commento di Giulia alla campagna di Libera Piemonte

La campagna “Restituiti a tuttə” non poteva che concludersi con le parole della nostra Giulia!

https://fb.watch/44oAiND-WH/

 

Intanto anche a Cascina Saetta, oggi 7 marzo 2021, è stata ristrutturata la rampa di accesso alla serra acquaponica!

 

7 marzo 1996 – 7 marzo 2021: Luigi Ciotti ci ricorda i 25 anni della Legge 109/96 sul riuso dei beni confiscati alle mafie

25 anni di 109/96: per beni più liberi da ogni barriera. Online 5 marzo 2021, ore 21.

100 passi con Gabriella e Roberto Saetta: online 3 marzo 2021, ore 21

Diretta FB: Libera Coordinamento provinciale di Alessandria 
Google Meet: https://meet.google.com/rhv-gypc-gqn

100 passi verso il 21 marzo. Con Rosario Esposito La Rossa.

 

Oggi 25 febbraio 2021. Ore 15.30

Pensa alla salute. 100 passi verso il diritto di sapere

Link per diretta facebook:

https://www.facebook.com/Libera-Novi-Ligure-440576419412143

100 passi con Margherita Asta: online 17 febbraio 2021

Diretta FB: Libera Coordinamento provinciale di Alessandria 
Google Meet: https://meet.google.com/vqe-pctf-jcc

“A ricordare e riveder le stelle”. 20-21 marzo 2021. XXVI Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

La Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie giunge alla sua ventiseiesima edizione: un periodo lungo che ha reso protagonista una vasta rete di associazioni, scuole, realtà sociali in un grande percorso di cambiamento dei nostri territori, nel segno del noi, nel segno di Libera.
La Giornata è da qualche anno anche riconosciuta ufficialmente dallo Stato, attraverso la legge n. 20 dell’8 marzo 2017.
Da allora molta strada è stata fatta. Innumerevoli sono state le iniziative, i percorsi di cambiamento proposti e realizzati: beni confiscati, memoria, educazione alla corresponsabilità, campi di formazione e impegno, accompagnamento delle vittime, percorso di Liberi di scegliere, formazione scolastica e universitaria, sono solo alcuni degli snodi più importanti dell’impegno collettivo di questo quarto di secolo.
In questi anni anche le mafie hanno modificato il loro modo di agire, rendendosi in alcuni casi più nascoste ma più invasive e pericolose per le nostre comunità e la nostra economia. Dunque l’azione contro le mafie e la corruzione è un’azione che si deve rendere sempre innovativa, capace di leggere la complessità del presente, guardando le radici della storia e lo sguardo rivolto al futuro libero che vogliamo costruire.
Il 21 marzo è un momento di riflessione, approfondimento e di incontro, di relazioni vive e di testimonianze attorno ai familiari delle vittime innocenti delle mafie, persone che hanno subito una grande lacerazione che noi tutti possiamo contribuire a ricucire, costruendo insieme una memoria comune a partire dalle storie di quelle vittime. È una giornata di arrivo e ripartenza per il nostro agire al fine di porre al centro della riflessione collettiva la vittima come persona e il diritto fondamentale e primario alla verità, diritto che appartiene alla persona vittima, ai familiari della stessa, ma anche a noi tutti. È altresì il momento in cui dare spazio alla denuncia della presenza delle organizzazioni criminali mafiose e delle connivenze con politica, economia e massoneria deviate.

Leggi qui l’articolo completo